L’uomo nero.

L’uomo nero.

Ho visto l’uomo nero scrivere poesie virtuali.
Stigmate di poesie, minuscoli acconti di poesie.
Ed io dal mio quaderno rosso ho prestato i polsi.
Chiedo all’uomo nero il rapimento,
la possessione, che ho frainteso il senso del discorso,
e ho frantumato il cuore, cantando il dolore dei bernoccoli,
lisciando per dodici mesi i torti.
L’uomo nero corre in parallelo,
si tiene in equilibrio sul mio giorno perfetto.
Lo tiro via succhiandolo di voglie.
Vattene via col mio eco nelle orbite.

Ph. Theo Gosselin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *