L’altro.

L’altro.

Non so di chi sia questa foto, ma conferma, in me, qualcosa che so da sempre: non mi basta il mare, il paesaggio. Mi farebbe schifo vivere su un’isola deserta. Ogni luogo ha un senso, per me, solo se c’è l’altro. E non mi basta che sia qualcuno che conosco. Ho bisogno dell’estraneo. Di chi guarda ciò che guardo, in un modo che non so, che non posso. Sono monotona, è vero, la ripeto sempre questa dedica d’amore ad ogni “nessuno” che mi incrocia, che mi ignora, che mi accende con uno sguardo. Ma io vivo di riflessi. Vivo di riflesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *