La logorrea.

La logorrea.

La logorrea che mi prende quando dal nulla mi esplode il dolore dentro. Un fungo atomico di parole, una spinta che mi scalcia fuori dal silenzio. E mi circondo di risate, ne faccio un nastro segnaletico intorno al mio luogo del delitto, il bianco e il rosso della mia bocca per dirti di non entrare, di fermarti appena prima della mia lingua, che pronuncia, arrota male, e ti difende da quel sangue che mi attraversa in rivoli di vene che partono e tornano nel cuore.

Ph. Martina Matencio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *