Gli accordi.

Gli accordi.

Più mi toccavi e più io mi consumavo. La tua pelle si induriva perché toglieva via la mia. Come suonare uno strumento a corde. I polpastrelli mettono su strati, per scordare il dolore, si fanno resistenti. La corda, invece, si fa lenta, singhiozza, si tira fino allo spasmo e poi si lacera, perde tutta la voce, non rispetta più gli accordi presi, lasciando il posto ad un nuovo suono.

Ph. Berber Theunissen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *