Senza danno.

Senza danno.

Se si potesse, sempre, far confluire i flussi, smuovere le cellule, spingerle tutte contro altre cellule. Amalgamare gli universi, estrarsi le rocce dal petto e farci un regno tutto intorno. Invece, forse, non lo so, si deve solo riabbassare il telo, bruciare senza danno, dietro un palmo di mano, bramando il vento.

Ph. Edie Sunday

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.