L’armata.

L’armata.

A cos’altro dovrò abituarmi?
Non si fa più intuire, la vita.
E’ uno strappo, una corsa liberata.
Un’altra città, scientifica, di santi.
E’ una vena tua,
dove ghiaccio i miei figli.
Ed il silenzio, ferito.
Il silenzio.
La mia cena, resistenza di dita.
Il finale si accende di lotta.
Non so più tornare.
Sono malata di luce e di anni.
Una ruga che lacrima dagli occhi.
Il giorno non dice
cos’eri tu, stanotte,
nel rito funebre
del mio amore ateo.

Luciana Manco

(disegno di http://appuntidiunamentefranca.blogspot.com/ )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.